LETTURE SERALI


IL LIBRO / IL GIALLO

 

 

SUBARU IMPREZA

http://lucastories.18×24.it/2018/11/21/impreza-la-minaccia/

CITROEN C3 AIRCROSS

http://car.18×24.it/2018/11/21/losservatore/

SUBARU XV MY18

http://car.18×24.it/2018/10/30/capo-horn/

DS3 CAFÉ RACER
http://car.18×24.it/2018/10/02/la-verifica/

JAGUAR E-PACE P300 AWD / THREE-FIVE-SEVEN-O
http://car.18×24.it/2018/09/25/three-five-seven-o/

L’ANALISTA
https://mrlukkor.wordpress.com/2018/09/04/lanalista/

SUBARU OUTBACK, il testo

http://lucastories.18×24.it/2018/09/19/outback-eminenza-grigia/

SUBARU OUTBACK, le foto

http://car.18×24.it/tw-portfolio/subaru-outback/

MERCEDES CLS
 350D 4MATIC
http://car.18×24.it/2018/09/19/il-vento-era-salito-di-intensita/

BMW X2
http://car.18×24.it/tw-portfolio/blu-come-bmw/

RANGE ROVER VELAR
http://car.18×24.it/tw-portfolio/lultimo-richiamo-prima-della-luce/

OLDER

TRIUMPH

http://car.18×24.it/tw-portfolio/la-catena/

BMW MOTORRAD NINE T

http://car.18×24.it/tw-portfolio/ninet/

BMW MOTORRAD R1150 R
(la mia…di due vite fà…)
http://car.18×24.it/2016/06/15/bmw-r1150r/

BMW MOTORRAD “Il boccaporto”

http://car.18×24.it/2016/06/20/boccaporto/

 

 

RINGRAZIAMENTI

 

Come “giornalaio” e transmedia-storyteller, nella mia vita ho incontrato tante persone. Ognuna mi ha lasciato un arricchimento. Comunque positivo, è sempre un’esperienza in più. Nel bene e nel male, nel buono e nel cattivo, in positivo ed in negativo. Tutto ‘sto filotto per dire che c’è sempre da imparare e che gli esami non finiscono mai. Umiltà e trasparenza hanno sempre dettato gli orari della mia giornata e di qualsiasi attività professionale, video, fotografica, giornalistica. La lunga premessa, mo’ è finita, è per dire che mi avvicino alle persone con delicatezza e disponibilità. Non sempre corrisposte, non sempre capite. Specifica, questa, più che necessaria per dare maggior valore alle persone che ho incontrato in questa torrida estate 2018.
Il loro spirito di collaborazione, la dedizione e la disponibilità di queste persone lascerà per sempre un bellissimo ricordo nella mia testa dura.
E con il loro ricordo anche quel sentimento di riconoscenza così raro ormai ma che in me alberga, ed albergherà, fin tanto che sarò capace di respirare.
Questo lungo video ***** è stato possibile proprio grazie a loro ed a qualcuno che non compare in video ma che è stato il tramite per riuscire nell’impresa.
Senza di loro non avrei avuto l’opportunità, non avrei avuto la forza e lo sprone per arrivare fino in fondo.

Grazie.

@Amanda Panella ©Camilla Delai ©Fabio Campanella @Gerardo Mitelli @L’Angolo delle Meduse @Ibis Hotel Styles Roma EUR @CaféTwin @RAW BarberShop @LauraAmato con “Burnt it down” @Valerio Da Silva Petrone.

Ed in modo speciale tutte le ragazze ed i ragazzi dell’Angolo delle Meduse per l’accoglienza che hanno per me ogni volta che sono da loro e per quello che leggo nei loro occhi quando arrivo nella “mia oasi”.

*****Episodi in TV. Alcuni pubblicati nelle pagine, altrimenti online su vimeo.

 

DISCLAIMER

 

1/ Ndr. – Libere interpretazioni dei test drive e shooting fotografici/video delle vetture in uso nel periodo da Luglio del 2018 fino a: infinito. Ogni riferimento a fatti e persone è casuale e frutto della fantasia dell’Autore che declina qualsiasi responsabilità nel caso qualcuno/a dovesse vedersi qui con precisione descritto. Le circostanze, a volte, portano ad una rappresentazione della fantasia molto aderente alla realtà. 
E non è neanche detto che la realtà sia una sola visto che questa – la realtà – spesso supera la più fervida fantasia. 
Nel caso di una improbabile descrizione di fatti realmente accaduti, mi scuso con quanti qui dovessero riconoscersi ma non ritiro la pubblicazione. Luca Romano.

2/ Ndr. – Il testo a corredo del set fotografico/video è una libera, e di fantasia, interpretazione del test drive con la vettura. Ogni riferimento a fatti e/o persone è puramente casuale. Le affermazioni relative al CDS/Codice della Strada in vigore in Italia sono sotto la responsabilità dell’Autore ma nulla hanno in relazione alla sua condotta di guida durante il periodo di prova/demo per la stampa della vettura concessa dal proprietario della stessa. Il testo è parte di un manoscritto più ampio di proprietà dell’Autore. Questo testo è pubblicato in queste pagine web, ed in quelle di cui ai link qui in pagina, al solo scopo illustrativo del servizio fotografico e non ha alcuna relazione con la sua attività professionale di giornalista.

Il testo e le foto sono protette dal diritto d’autore in base alle vigenti leggi e norme.

Non è concessa alcuna autorizzazione alla riproduzione se non a valle di eventuale richiesta e successiva valutazione da parte dell’Autore.


Ogni abuso sarà perseguito con determinazione.

Catch The Rainbow.
Ride the sky.
Make it shine.
For you and I.
See the light.

Through the night.

Ronnie James Dio

EDIZIONE


EDIZIONE, versione narratore
upload 1 NOVEMBRE – h 23:13

 
 

EDIZIONE, versione solo
upload 1 NOVEMBRE – h 23:13

 
 
 

NARRATORE

“PRESENZA” ©Lr&NomiAssociati ©Susinar

Versione “FilmMaker”

INSTAGRAM | lucaromano_pix | DS 5 PRESTIGE | Film Drappo Rosso | junior clip 00’55” – video @ http://www.drivelife.it/DS5PRESTIGE/ #dsautomobiles #ds #prestige #ds5

 

 

L’OCCHIO


da tempo ogni cosa che guardo cerco di vederla come una possibile inquadratura.
E’ un’attitudine, una dote, che ad un tratto mi sono accorto di avere. Forse.
C’è gente molto più brava di me.
Sorrido dunque quando leggo i commenti.

Nel senso.
Non metto particolare cura o attenzione nel formare la composizione, mi “viene” naturale.
Non c’è quel retropensiero che, leggo, è attribuito dagli esperti.
Boh.
Uno, su flickr (dove avevo un altro profilo ed un book, diciamo, professionale) mi ha scritto “bella composizione”, tra l’altro ad una foto che non reputo una di quelle che m’è riuscita meglio. Semmai era un’inquadratura coraggiosa, forse rischiosa. Ma di compositivo aveva, ha, ben poco. Contento lui…
Bah.
Ma ha suscitato in me il desiderio di scrivere questa polemica precisazione:

“queste fotografie sono pubblicate su flickr solo per essere strumento di lavoro, non sono qui per la ricerca di visualizzazioni, consensi, giudizi e pareri dei quali non mi frega nulla, anzi è gradita l’astensione di proprie valutazioni”

Qui, su WP, però, è un’altra cosa. Qui ci sono persone che bene o male, più o meno la pensano come me. Scattano foto perché gli piace quello che vedono. E cercano di raccontare il loro pensiero. Senza l’affannosa, ed inutile, rincorsa ai like che, tanto, non porta ad un traguardo.*****
Ma NON sia questo da considerare come l’invito al commento.
Per carità! E lungi da me l’idea.

Spero solo che la foto susciti in chi la vede la stessa emozione che vive in me.
E’ sufficiente, non serve e non – soprattutto – non voglio altro.
L.

Questo il link a flickr
La “sentenza” era pubblicata nella posizione “info”. Proprio per evitare rotture di coglioni, alias di commenti di “fotografi” presuntuosi, arroganti, ecc ecc, ho chiuso quell’account ed aperto un altro. Con buona pace delle visualizzazioni raggiunte, dei like e di tutto quello che qui – web – non cerco.

foto apertura:
lungomare di sabaudia, rientro, dalla macchina ho visto la sabbia e la luce, l’occhio. ©lrp

*****Chi ha raggiunto il successo online non lo ha fatto (solo) per la qualità delle fotografie, dipendente dal cervello e dall’occhio, ma anche E SOPRATTUTTO per i soldi investiti nell’attività di comunicazione USANDO mezzi, notoriamente a pagamento per il consenso, come Facebook, Instagram e Twitter.
Ho fatto quell’esperienza anche io: a fronte delle migliaia di euro (poche!) investiti in un anno non è arrivato nulla di più dei like di Facebook.
Le mie consistenze, ieri ed oggi, non consentono altre più importanti avventure. Del resto se avessi 100mila euro non li butterei nelle tasche dei tre avventurieri fondatori di quelle piattaforme. Men che meno in quelle di Google. Me li godrei a pizza e birra. Alla faccia, rutto compreso, dei social e di chi ci crede. Però una posizione su WP la manterrei. 😉 Gente simpatica si incontra qui… buon clic, buona fortuna.

@MotorShowBo 2014


MOTORSHOW 2014: sai che cojoni che se fa questa ragazza per nemmeno 100 euro al giorno?
MOTORSHOW 2014: sai che cojoni che se fa questa ragazza per nemmeno 100 euro al giorno?

‘nFrega + niente a nessuno
che ce vai affa’?

Bologna Fiere riapre al Motorshow. Il 6 Dicembre, cancelli aperti. La pausa “riflessiva” dell’anno scorso per la rinuncia dei marchi automobilistici ha obbligato l’organizzatore al rinnovo della formula per lo show. L’edizione 2014 è il banco di prova per scoprire se lo show “must-go-on”. I presupposti ci sono: 13 e 14 Dicembre nell’arena si sfideranno Ken Block e Elfyn Evans. Saranno scintille, garantito!

di LUCA ROMANO – DURATA, 01’ 50” 

IN TV CON DRIVELIFE DEL 6 DICEMBRE

Dal 6 al 14 Dicembre il Motorshow di Bologna 2014 prova ancora una volta a riunire nei suoi stand pubblico e case automobilistiche.

La crisi ha ibernato lo spettacolo di Bologna per un anno, le edizioni precedenti avevano con fatica chiuso i bilanci dell’organizzatore, e la scissione del Creatore, Alfredo Cazzola, e la GLEvents, aveva di fatto creato i presupposti di un lento declino.

Questa è l’edizione di verifica. La situazione economica non aiuta, le schermaglie tra Bologna e Milano, le voci di un salone dell’auto in occasione dell’Expo 2015 – il Creatore Cazzola, è all’opera – le case, con la scusa dei tagli di budget negoziano posizioni di vantaggio o preferiscono non partecipare. Tutti aspetti importanti e contrari alla kermesse meneghina. Bisogna creare per ridare linfa e luce a Bologna.

Alla base queste considerazioni, a monte il ruolo dei saloni dell’auto. Giornali e TV, ieri, il web due oggi, offrono così tante informazioni sui prodotti, l’auto è tra le più gettonate, che il potenziale visitatore tentenna prima di avventurarsi in viaggio verso Bologna, magari in treno, e spendere almeno un paio di bigliettoni verdi, per toccare con mano lamiere d’auto e fotografare qualche stanca modella.

Quest’anno la trenta-nove-esima edizione potrebbe valere il sacrificio del viaggio. GL Events, toccata da luce di creatività, ha varato un piano di show che racchiuderlo in meno di due minuti è impossibile.

Nel “disneyano” pensatoio hanno ideato un format che riunisce tutti gli aspetti di spettacolo, motori e condivisione. Con l’idea di valorizzare e promuovere non solo lo show dell’automobile ma anche società, cultura e territorio di Bologna e dintorni. Così la Route Motorshow racconta la terra di motori e le eccellenze gastronomiche, i musei dell’auto, da quello Ferrari, sia Maranello che Modena, i 100 Anni di Maserati ma anche la Cineteca di Bologna con proiezioni di film importanti, da “Il sorpasso” a “Rush”.

Non mancherà la Motorsport Arena, due fine settimana dedicati, organizzati da nomi celebri: Franco Cunico e Sandro Munari. Giancarlo Fisichella, con la F150 Italia, domenica 14 Dicembre, farà il consueto pit-stop. Spettacolo garantito anche dal Supermotard, attesi piloti di livello internazionale.

Novità per la trenta-nove-esima edizione l’estensione dell’orario di apertura fino alle otto di sera per gli spettacoli di MTV. Il 12 dicembre sul palco Bob Sinclair, star mondiale della musica house.

Ma il vero motivo per cui val la pena d’essere a Bologna quest’anno è l’edizione del Memorial Bettega. Nell’arena ci sarà la star americana Ken Block che ha raccolto il guanto di sfida gettato dal gallese Elfyn Evans.

Saranno scintille, garantito.

E vedremo i fuochi d’artificio alla chiusura dei battenti… tanto i bilanci delle perdite li vedi solo l’anno prossimo se fanno anche la 40° Edizione.

Per quest’anno “diamogli fiducia”.

FUORI TEMA 2


LA VOLONTÀ DI FARE DI FCA UN’AZIENDA INTERNAZIONALE AVEVA IL PASSAGGIO OBBLIGATO DELLA QUOTAZIONE IN BORSA FUORI DEI VECCHI CONFINI. DEBUTTO A NEW YORK PER CONVINCERE GLI INVESTITORI CHE FCA È UNA BUONA OPPORTUNITÀ SPECULATIVA. LA LINEA DI MARCHIONNE, NON SO PERCHÈ, RICORDA CERTE POLITICHE FINANZIARIE LONTANE DALL’AUTO E GIÀ IN PASSATO SPERIMENTATE. CON CESARE ROMITI.

di LUCA ROMANO

Innegabile la capacità di fare business finanziario di Sergio Marchionne. Ha trovato, in giro per il mondo, i soldi per comprarsi Chrysler, ha convinto Obama ad aprire i cordoni della borsa, olandesi ed inglesi ad attivare particolari politiche fiscali per decentrare il polo automotive italiano. La quotazione a NewYork di FCA è il suggello a questa frenetica attività finanziaria. Appunto finanziaria. La domanda, in 35 secondi, è: “ma l’automobile? Quando tutti i marchi beneficeranno di nuovi, accattivanti modelli?”

Perché Volkswagen e le altre major automotive si ostinano a far automobili come mission d’azienda e poi attività finanziaria? Garantendo così occupazione, salari adeguati e premi di produzione. Invece di smantellamenti e cassa integrazione?

Interrogativi nel vuoto, Marchionne non risponde, se la domanda non gli piace.

Saranno i mercati a rispondere.

Probabilmente con le casse di FCA piene e l’Italia senza più l’automotive.

da drivelife.it

Nota dell’autore. Scrivere di “automotive” è la mia attività professionale. Il libero pensiero – l’articolo è stato pubblicato su drivelife ed è “andato in TV” – non porta sempre buoni risultati. Se scrivendo si racconta una interpretazione di quello che si vede e conosce, non è detto che si abbiano molti “amici”.

Pubblicato il 25 Ottobre 2014